Dopopartita#03: Fiabe di Stoffa

Un amore fulminante: recentemente tradotta in italiano, la nuova fatica di Jerry Hawthorne (“quello” di “Mice and Mystics”, tanto per citare uno dei suoi lavori più conosciuti) è un piccolo gioiello da aggiungere senza indugio nella vostra libreria.

Gli incubi che gli Stoffini dovranno affrontare fanno bella mostra di sé davanti alla scatola del gioco.

La meccanica del gioco è molto semplice: ogni giocatore controlla uno stoffino, cioè un pupazzo senziente di proprietà della bimba che all’inizio del racconto abbandona la sua culla per passare nel “letto da grande” che le hanno preparato i suoi genitori. Il sapore iniziale del gioco è in effetti un po’ in stile “Toy Story”, ma si capisce subito che si tratta più che altro di una suggestione (nostra): la direzione è davvero originale.

Lo scopo dei giocattoli è quello di ricacciare gli Incubi di Crepitus (oscuro re dei medesimi) nel “Cadigiù” e custodire in questo modo il sonno della loro piccola padrona, il tutto muovendosi all’interno delle pagine di un libro che, oltre ad essere il tramite per raccontare la storia, è anche il tabellone su cui si muovono le miniature.

Il libro, il cuore del gioco

Come al solito a noi interessa di più il portato educativo del gioco, e qui ce n’é veramente molto.

Comincerei con l’elemento più evidente: al pari di altri giochi (penso a “Scaccia i mostri” di Antoine Bauza) qui si combatte con la paura del buio e della notte, e di tutto ciò che in quei contesti colpisce l’immaginazione dei piccoli o comunque li riguarda da vicino.

Al narratore spetta il compito di leggere le pagine del libro (ha senso, secondo me, che sia un genitore, soprattutto con i più piccoli). Dopo aver affrontato l’incipit della storia (il plot che ho raccontato prima) e la descrizione iniziale della situazione, gradualmente, si entra nel vivo della narrazione, affrontando nei diversi capitoli aspetti più specifici: “Cose che fanno rumore nella notte”, “Il potere delle lacrime”, “Un mondo più gentile”, “La speranza non può bruciare” sono solo alcuni dei titoli che non possono non risuonare nel nostro vissuto di genitori e che costituiscono altrettanti spunti di confronto con i bambini, magari da organizzare dopo una bella giocata insieme.

A proposito di “spunti”, sappiate che, al termine di ciascuna delle sette storie proposte, c’è proprio uno spazio apposito nel libro che suggerisce esplicitamente proprio alcuni spunti di discussione, ad esempio questo:

Poche cose sono più preziose della capacità di resistere a una facile ricompensa per un premio più grande che giunge dopo uno sforzo maggiore. Avete mai rimpianto di avere ceduto ad una facile tentazione? Cosa vi siete persi comportandovi in quel modo?”

Come forse non sapete, io sono anche un docente di scuola superiore… Quanti dei miei alunni, anche adolescenti, potrebbero trarre giovamento da una riflessione su questo tema! Figuriamoci i più piccoli che, fortunatamente, sono un po’ più permeabili!

Per chiudere il panorama, ogni tanto, nel libro si trovano anche altri passaggi utili a quanto stiamo trattando: si tratta delle “Fiabe di Stitch” (in verità, uno dei più inquietanti tra gli Stoffini): come ogni fiaba che si rispetti, anche queste richiamano il tema specifico della pagina e contengono un piccolo ma efficace insegnamento.

Ad esempio:

Ecco una delle Fiabe di Stitch

Insomma: un gioco divertente, veloce (parliamo di un’oretta a sessione), facile (si capisce che l’impianto delle regole è stato pensato davvero per bimbi dai sette anni), collaborativo e pieno di stimoli educativi…

Un ottimo acquisto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...