APP#01: Classcraft

Per insegnare bisogna emozionare. Molti però pensano ancora che se ti diverti non impari.

Maria Montessori

Oltre che persi nei Giochi di Ruolo vi capita la sorte di essere docenti? Ecco, questo potrebbe essere un bel modo per unire i vostri due universi…

Dungeons & Dragons… per gestire la classe!

Direi che, in poche parole, Classcraft possa essere definito in questo modo. Tanti insegnanti più o meno ferrati nel digitale conoscono applicazioni utili alla gestione della classe (Moodle, Edmodo, iTunes U, Schoolwork di Apple…), ma questa conserva una specificità che, a questi livelli, non ho ancora visto altrove e che, con il recente ritorno di fiamma tra il “mondo dei più” e i giochi di ruolo, grazie anche alla serie TV di Netflix “Stranger Things”, magari potrebbe piacere particolarmente…

Come funziona?

Classcraft è un “sistema di gestione coinvolgente” (Engagement Management System – EMS) che serve per “ludicizzare” la classe o, per dirla all’anglosassone, fare un po’ di Gamification durante la normale vita quotidiana nei rapporti tra insegnante e studenti, e tra studenti.

Prerequisiti: una bella classe digitale in cui docente e studenti abbiano iPad, e una conoscenza dell’inglese sufficiente a comprendere i testi dell’App, non ancora completamente tradotta. Aggiungerei anche un minimo di passione e di conoscenza delle meccaniche dei Giochi di Ruolo in generale.

Destinatari:i bambini delle classi più alte della primaria, i ragazzi delle secondarie di primo grado, il primo biennio delle superiori… dipende dal docente, ovviamente!

Il docente è il Dungeon Master, cioè colui che ha in mano il gioco: egli crea le classi, e lascia che ogni studente vi si iscriva.

Alcune classi prova – i nomi potrebbero anche essere più divertenti…

Lo studente crea il proprio “personaggio”, cioè il suo avatar, il suo “doppio”, scegliendo tra tre diversi tipi:il guerriero, il mago, il guaritore. Ciascuna di esse ha dei “poteri” particolari, attivabili a discrezione dell’alunno-personaggio con il permesso del docente-Master. Gli studenti saranno successivamente divisi in Team.

Un esempio di scheda del Personaggio

Ogni Personaggio ha 3 caratteristiche:

Punti Ferita:Costituiscono la sua scorta di vitalità: se arriva a zero scatta una punizione, o qualcosa di analogo. Vengono tolti a causa di comportamenti errati tenuti in classe, o di altre situazioni negative. Possono essere lentamente recuperati.

Punti azione:servono ai Personaggi per attivare i loro poteri, particolari abilità che l’alunno sceglie di possedere ogni volta che aumenta di livello. Sono una delle parti più gradevoli del gioco, perchè includono cose come il “Cacciatore”, abilità che permette di mangiare in classe (prima che perda tutti i miei lettori: sappiate che, costando punti energia, questa abilità non potrà essere attivata a piacere).

Punti esperienza:Vengono guadagnati su decisione del docente per le azioni positive compiute in aula, oltre che grazie ai poteri usati. Servono a salire di livello, ad aumentare i propri poteri e i propri Punti Ferita.

Pezzi d’oro: (personalmente non ho mai usato questa funzione) servono ad acquistare nuovi effetti grafici per l’illustrazione del proprio personaggio, e altri gadget.

Come si interagisce?

Il docente Master ha un pannello dal quale può scegliere alcune attività da svolgere in classe.

Il pannello del docente

Come si può vedere, alcune delle funzioni sono a pagamento, ma non è nulla di utile né di fondamentale, credetemi… Analizziamo le altre.

La Ruota del Destino:consente di scegliere uno studente per sottoporlo ad una prova (correzione di esercizi, interrogazione, o altro).

I Cavalieri di Vay: questo è un generatore di eventi random che fa compiere azioni particolari agli studenti, o semplicemente aggiunge o toglie punti sulla base di un meccanismo simile alle “probabilità” di Monopoly… Potreste anche decidere di usare l’attivazione di questa funzione come ricompensa per la classe, o come appuntamento fisso di una certa giornata.

Battaglia contro il Boss:si tratta di una verifica a crocette o a risposta breve. Il docente sceglie il “Mostro” contro cui si dovrà battere l’intera classe, ne decide i punti ferita, attribuisce a ciascuna domanda, se corretta, un ammontare di punti ferita inflitti e… voilà! Se i ragazzi riusciranno a rispondere correttamente alla maggioranza delle domande il mostro verrà sconfitto!

La schermata della creazione delle domande

Le Quest

Un’altra interessante funzione: la Quest

Chiudiamo questa panoramica con la funzione di assegnazione dei compiti: Classcraft vede – correttamente – i compiti assegnati in funzione del raggiungimento di un obiettivo maggiore, esattamente come se fossero le singole avventure che compongono una campagna. In questo modo gli alunni-personaggi avranno ancora più chiaro che ogni loro passo a scuola è parte di un percorso strutturato dall’insegnante per portarli a scoprire… il Segreto della Conoscenza, oppure una Competenza Perduta!

Quando ho cominciato ad usare quest’App, cinque anni fa, era ancora abbastanza acerba, e questa funzione non era presente, ma credo che sia una delle più interessanti aggiunte che io abbia notato per scrivere questo articolo.

In conclusione: perché Classcraft?

Nelle classi che usano tecnologia in modo “spinto” un gestionale è necessario, ma prima di passare ad App più complesse, soprattutto per i più piccoli, potrebbe essere utile un periodo di ambientamento con un App per certi versi più semplice e giocosa.

Un altro buon motivo è che quest’App fa dei capisaldi del Gioco di Ruolo i propri pilastri, riuscendo a sintetizzare abbastanza bene aspetti positivi dell’uno e dell’altro mondo, proponendosi anche graficamente come qualcosa di un po’ più maturo di altre App simili ma confinte senza dubbio alla sola scuola primaria, e questo mi sembra il suo dato più importante.

Se siete appassionati di GDR e vi è piaciuta questa descrizione allora non vi resta che cliccare qui ed iniziare la vostra Avventura in classe!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...